Il giardino che si incunea a gomito al limite esterno della città, ai piedi e lungo le mura é diviso in più settori. Il primo é composto da un prato che si estende ai piedi della mura dove al centro è situato un teatro a gradoni rivolto verso il paesaggio, non in asse con la postierla. (arena crata nel 2009-2010).

Al prato si accede dalla scalinata che scende da via della Cupa e dal percorso che si sviluppa lungo le mura fino a via delle Forze. Questo percorso bordato da cipressi (a valle) e dalle mura urbiche (a monte), forma il secondo settore (unità paesaggistica omogenea ad alto valore storico artistico). Un terzo settore coincide con la terrazza creata al livello intermedio, sopra l'entrata della galleria Kennedy.

La terrazza a forma di emiciclo é delimitata da una balaustra (lato verso la strada) e dal muro di terrazzamento del livello superiore del parco dove è collocato l'impianto di aerazione della galleria sottostante. Il rumore della traffico veicolare e lo smog conseguente rendono questo settore scarsamente fruibile. L'ultimo settore coincide con boschetto di lecci che si sviluppa sui pendii degli ultimi due terrazzamenti attraversati da sentieri che collegano l'area della terrazza (secondo settore) con l'entrata al parco di via Pellini.